L’Albero Falcone cresce anche a Ravenna, gemellaggio con Palermo nel nome dell’antimafia

Un gemellaggio nel nome dell’antimafia unisce da oggi Ravenna e Palermo. Nel corso di una cerimonia che si è svolta nel pomeriggio nella città romagnola, è stato piantato un “Albero Falcone” per ricordare la magnolia che si trova a Palermo davanti alla casa del giudice ucciso a Capaci, divenuta emblema della resistenza civile alla mafia e visitata ogni anno da centinaia di persone. L’albero “gemello” crescerà nel giardino comunale intitolato alle “Vittime innocenti di tutte le mafie- 21 marzo”. Alla manifestazione hanno partecipato Maria Falcone, sorella del giudice ucciso e presidente della Fondazione che porta il nome del magistrato, il procuratore generale di Bologna Ignazio de Francisci, per anni pm a Palermo amico e collega di Falcone, l’ex componente del pool antimafia Leonardo Guarnotta, il procuratore di Ravenna Alessandro Mancini, il prefetto Enrico Caterino e il sindaco di Ravenna Michele De Pascale.

“Per Palermo l’Albero, divenuto meta di un costante pellegrinaggio laico di cittadini, è emblema del riscatto di una società civile che, dopo la strage di Capaci, reagì ribellandosi a Cosa nostra e manifestando a noi familiari delle vittime, alle istituzioni e ai colleghi di Giovanni la voglia di affrancarsi dal giogo mafioso. – ha detto Maria Falcone – La città di Ravenna, che per il suo coraggio ha avuto la medaglia d’oro della Resistenza,  con questo gesto manifesta attenzione e sensibilità verso un fenomeno come quello mafioso, che, da tempo ormai, ha superato i confini siciliani”. Alla cerimonia erano presenti anche decine di ragazzi. “La scelta di un luogo frequentato da giovani – ha concluso Maria Falcone – è ancora più significativa perché, come diceva mio fratello, la mafia si vince solo facendo una battaglia culturale che coinvolga le nuove generazioni”.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *