Documenti trovati: 23

New forms of European citizenship in migration era

Meetings at FRA and UNODC in Vienna 

Participation: The event involved  25 citizens, including 2 participants from the city of Palermo (IT), 1 participant from the city of Bitola (MK), 1 participant from the city of Pascani (RO), 2 participant from the city of  Bratislava (SK), 1 participant from the city of Thessaloniki (GR), 1 participant from the city of Amarante (PT), 1 participant from the city of  Dobrich (BG), 1 participant from the city of Brtonigla-Verteneglio (HR), 1 participant from the city of Barcelona (ES), 1 participant from the city of Belgrade (RS), 1 participant from the city of Torun (PL), 1 participant from the city of Prague (CZ), 1 participant from the city of Leipzig (DE), 1 participant from the city of Valmiera (LV), 1 participant from the city of Zejtun (MT), 1 participant from the city of  Tirana (AL), 7 participants from the city of Vienna (AT)

Location / Dates: The event took place in Vienna from  13/09/2017  to 15/09/2017

Short description:  Participants took part at two meetings at FRA - European Union Agency for Fundamental Rights - and UNODC - United Nations Office on Drugs and Crime. The aim of the event was to raise up awareness on topic of human rights, to overcome potential attitudes of xenofobia, racism, intollerance and discrimination. Moreover, they have deepened the topic of trafficking in Persons and Smuggling of Migrants and their links with international organized crime.  

Coordinating meeting_Vienna 13.09.2017.jpg   Meeting at FRA_Vienna 14.09.2017.jpg    Meeting at UNODC_Vienna 15.9.2017.jpg

New forms of European citizenship in migration era

Debates and meetings in Palermo

Participation: The event involved  28 citizens, including 12 participants from the city of Palermo (IT), 1 participant from the city of Bitola (MK), 1 participant from the city of Pascani (RO), 1 participant from the city of  Tirana (AL), 1 participant from the city of Thessaloniki (GR), 1 participant from the city of Amarante (PT), 2 participants from the city of  Varna (BG), 1 participant from the city of Brtonigla-Verteneglio (HR), 1 participant from the city of Barcelona (ES), 1 participant from the city of Belgrade (RS), 1 participant from the city of Torun (PL), 1 participant from the city of Bruxelles (BE), 1 participant from the city of Prague (CZ), 1 participant from the city of Leipzig (DE), 1 participant from the city of Zejtun (MT), 1 participant from the city of Valmiera (LV).

Location / Dates: The event took place in Palermo from  21/05/2017  to 25/05/2017
Short description:  The aim of the event was to show participants how the integration of immigrants can be achieved through the active commitment of public institutions working at local level and of organized civil society and volunteers. Moreover, thanks to the meeting with some prosecutors committed in the fight against organized crime, t
he event gave a lot of insights on how smuggling is one of the business of organized crime.

See also the impressions of one participant at mediaeducationcentre.eu 

Meeting at Department of Social Citizenship for the City of Palermo_ 22 May 2017 Meeting at Tribunal of Palermo_Palermo 24 May 2017.jpg  Meeting with representatives of CLEDU_Palermo 24 May 2017.jpg

New forms of European citizenship in migration era

Presentation of survey results on perception of immigration

Participation: The event involved  26 citizens, including 5 participants from the city of Palermo (IT), 1 participant from the city of Bitola (MK), 1 participant from the city of Pascani (RO), 1 participant from the city of  Tallinn (EE), 1 participant from the city of Thessaloniki (GR), 1 participant from the city of Amarante (PT), 1 participant from the city of  Varna (BG), 1 participant from the city of Brtonigla-Verteneglio (HR), 1 participant from the city of Barcelona (ES), 1 participant from the city of Belgrade (RS), 1 participant from the city of Torun (PL), 1 participant from the city of Bruxelles (BE), 1 participant from the city of Prague (CZ), 1 participant from the city of Leipzig (DE), 1 participant from the city of Vilnius (LT), 7 participants from the city of Valmiera (LV). 

Location / Dates: The event took place in Valmiera from  20/04/2017  to 21/04/2017. 

Short description:  The aim of the event was to show the results of the survey on perception of migration carried out in all partner countries in the previous months. For details of the data, please read the press release and the slides following.

Data Survey on Perception of Migration_NECME project  Data Survey on Perception of Migration_NECME project    Press Release 21 April 2017Press Release 21 April 2017

 

Valmiera LV 20-21 April 2017 _1    Valmiera LV 20-21 April 2017_2   Valmiera LV 20-21 April 2017_3

Sondaggio Progetto "NECME- Nuove forme di cittadinanza europea nell'era della migrazione"

Necme Logo.jpgCon il lancio ufficiale di un sondaggio online sulla percezione pubblica della migrazione, il progetto europeo “NECME- Nuove forme di cittadinanza europea nell’era della migrazione” è iniziato in 16 diversi paesi europei.
Il progetto, finanziato nell'ambito del programma Europa per i cittadini dell'Unione Europea, coinvolge 17 organizzazioni della società civile provenienti da 16 paesi diversi, ed è coordinato dalla Fondazione Falcone, nata nel 1992 in seguito all'uccisione del magistrato Giovanni Falcone nella Strage di Capaci.
Il progetto mira a esplorare come i fenomeni migratori influenzano la società civile europea in termini di nuove esperienze di impegno civico e cittadinanza attiva.
Il punto di partenza è appunto un sondaggio online, lanciato simultaneamente in tutti i paesi del progetto, che mira a comprendere quale sia la percezione fra i cittadini dei fenomeni migratori.

Il sondaggio, elaborato dall’Università di Palermo e dall’Università di Valmiera (Lettonia) permetterà di cogliere e analizzare la percezione dei fenomeni migratori e dei migranti nella società europea, anche analizzando come i migranti possono essere vittime della criminalità organizzata o esserne coinvolti.

“Il costante flusso migratorio durante gli ultimi anni sta influenzando la società civile europea - ha detto Maria Falcone, presidente della "Fondazione Falcone" - e tutti noi dobbiamo assumere un ruolo attivo per superare xenofobi, intolleranti e discriminanti nei comportamenti.
Attraverso il coinvolgimento di diversi soggetti interessati (gli insegnanti, i rappresentanti delle associazioni e delle agenzie europee, amministratori di enti pubblici, i giornalisti, le forze dell'ordine,...) e l'adozione di metodologie diverse, i partecipanti saranno stimolati ad agire, come singoli cittadini o come organizzato La società civile, per facilitare l'inserimento dei migranti nella società europea e contribuirà a creare sinergie tra società civile e gli enti pubblici, anche attraverso il ruolo del volontariato.
L' indagine sarà condotta online durante i prossimi due mesi ed è disponibile all'indirizzo https://www.surveymonkey.com/r/C5XKDLF

I paesi coinvolti nel progetto sono: Albania, Belgio, Bulgaria, Croazia, Italia, Lettonia, Malta, Macedonia, Germania, Grecia, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Serbia, Spagna e i partners sono Associazioni non profit, fondazioni e università.

Per maggiori informazioni scrivere a p.galluccio@informa-giovani.net  – 346.7881900

Waves of citizenship, waves of legality

COVER_ActiveCitizenshipPoliciesOnCrimePrevention.jpg

The publication, carried out under the project “Waves of citizenship, waves of legality” and edited by Alida Federico, collects the data of research carried out in 10 European countries (Italy, Albania, Bulgaria, Croatia, Czech Republic, Estonia, Greece, Portugal, Republic of Macedonia, Romania) on local and national policies to promote active citizenship as a tool to prevent and fight against organized crime.

 

 

   To read the publication online, click here 

      Publication to download icona_pdf.jpg

 

Video.jpg

                                   Play Video 

Waves of citizenship, waves of legality - Final evaluation and follow-up meeting

Participation: The event involved  26 citizens, including 3 participants from the city of Palermo (IT),  1 participant from the city of Bitola (MK),  1 participant from the city of Tirana (AL), 2 participants from the city of Piatra-Neamt (RO) , 2 participants from the city of  Tallinn (EE), 1 participant from the city of Thessaloniki (GR), 1 participant from the city of Arrouquelas (PT), 2 participants from the city of  Dobrich (BG), 2 participants from the city of Brtonigla-Verteneglio (HR), 11 participants from the city of Prague (CZ).

Location / Dates: The event took place in Prague from  15/04/2016  to 16/04/2016
Short description:  The aim of the event was to assess the local dissemination activities held in all partner countries, strengths and weaknesses. Partner met to discuss how best to promote active citizenship. 

 Prague, 15-16th April 2016

Czech Republic_ Prague, 15-16th April 2016

 

Brochure to download   icona_pdf.jpg

"Criminalità organizzata: Italia e Croazia a confronto"

Croatia_Buje Buie, 8th April 2016.jpgSi è svolto venerdì 8 aprile 2016, presso la scuola SMSI “Leonardo da Vinci” di Buje-Buie (Croazia), l’evento di disseminazione previsto nel progetto  “Waves of citizenship, waves of legality”. Obiettivo dell'incontro, come di quelli già realizzzati negli altri paesi partner (Albania, Bulgaria, Estonia, Grecia, Macedonia, Portogallo, Romania), è sensibilizzare sull’importanza della cittadinanza attiva nella prevenzione e nella lotta al crimine organizzato. Insieme alla Fondazione G. e F. Falcone ha partecipato all'incontro il vice-presidente nazionale dell'UNCI (Unione Nazionale Cronisti Italiani), Leone Zingales.  

 Scarica programma icona_pdf.jpg     Scarica articolo UNCI  icona_pdf.jpg

 

 Croatia_Buje/Buie, 8th April 2016

  

Waves of citizenship, waves of legality - local dissemination meetings

 

Participation: The event involved  418 citizens, including 34 participants from the city of Bitola (MK), 27 participants from the city of Tallinn (EE), 44 participants from the city of Piatra-Neamt (RO), 36 participants from  the city of  Buje-Brtonigla-Umago (HR), 4 participants from  the city of  Capodistria (SI), 23 participants from the city of Thessaloniki (GR), 52 participants from the cities of Arrouquelas-Rio Maior (PT), ), 94 participants from the cities of Dobrich-Varna (BG), 59 participants from the city of  Prague (CZ), 5 participants from  the city of  Palermo (IT), 40 participants from the cities of Tirana (AL)

Location / Dates: The event took place in Bitola (MK), Tallinn (EE), Buje (HR), Piatra-Neamt  (RO), Varna (BG), Thessaloniki (GR), Prague (CZ), Rio Maior (PT), Tirana (AL) from  07/11/2015  to 27/04/2016.
Short description:  The aim of the event was to disseminate the knowledge acquired during the experiences in Palermo and in Bruxelles, to stimulate in local citizens the awareness that the active citizenship can have an important role in prevention and fighting organized crime.    

 

Bitola, 7 novembre 2015.jpg      Tallinn, 27 novembre 2015.JPG       Piatra-Neamt, 24 febbraio 2016.jpg

 Macedonia_Bitola, 7.11.2015          Estonia_Tallinn, 27.11.2015      Romania_Piatra-Neamt, 24.02.2016

 Download the Programme icona_pdf.jpg     Download the Programme icona_pdf.jpg Download the Programme icona_pdf.jpg  

    Portogallo_Rio Maior, 4th March 2016.jpg     Greece _Thessaloniki, 17th March 2016.jpg   Bulgaria_Varna, 22 march 2016.JPG

    Portugal_Rio Maior, 4.03.2016         Greece _Thessaloniki, 17.03.2016     Bulgaria_Varna, 22.03.2016

    Download the Programme icona_pdf.jpg     Download the Programme icona_pdf.jpg   Download the Programme icona_pdf.jpg 

          

  Tirana, 24 marzo 2016.jpg       Croatia_Buje Buie, 8th April 2016.jpg      Czech Republic_Prague 14th April 2016.jpg

   Albania_ Tirana, 24. 03.016        Croatia_Buje/Buie, 8.04.2016   Czech Republic_Prague, 14.04.2016   

   Download the Programme icona_pdf.jpg  Download the Programme icona_pdf.jpg Download the Programme icona_pdf.jpg                                 

                               

   

Waves of citizenship waves of legality - Meeting in Bruxelles - The Hague

LOGO WAVES 2015.jpg

Participation: The event involved  25  citizens, including  2  participants from the city Brtonigla-Verteneglio (HR), 1 participants from the city of Bitola (MK), 2 participants from the city of Tallinn (EE), 1 participant from the city of Tirana (AL), 1 participant from the city of Thessaloniki (GR), 2 participants from the city of Dobrich (BG), 1 participant from the city of Lisbon (PT), 2 participants from the city of Piatra Neamt (RO), 1 participants from the city of Prague (CZ), 3 participants from the city of Palermo (IT),  3 participants from the city of The Hague (NL), 6 participants from the city of Bruxelles (BE).

Location / Dates: The event took place in Bruxelles (BE) and The Hague (NL),  from  15/09/2015  to 17/09/2015

Short description:  The aim of the event was to dealt European citizens  with policies to fight organized crime with the representatives of the European institutions in Bruxelles (Committee of Regions and European Parliament) and Eurojust in The Hague.

Download the Programme icona_pdf.jpg                Download Press Release icona_pdf.jpg 

 

1.jpg   2.jpg  3.jpg

Meeting at Eurojust                   Meeting at Committee of Region       Visit to European Parliament


Waves of citizenship, waves of legality - Debates, meeting and seminar in Palermo

Participation: The event involved  310  citizens, including 5  participants from the city of Brtonigla-Verteneglio (HR), 5 participants from the city of Bitola and 1 participant from the city of Skopje (MK), 5 participants from the city of Tallinn (EE), 5 participants from the city of Tirana (AL), 5 participants from the city of Thessaloniki (GR), 5 participants from the city of Dobrich (BG), 4 participants from the city of Lisbon (PT), 5 participants from the city of Piatra Neamt (RO), 5 participants from the city of Prague (CZ), 265 participants from the city of Palermo (IT).

Location / Dates: The event took place in Palermo (IT),  from  22/05/2015  to 24/05/2015

Short description:  The aim of the event was to show to European participants how Sicilian citizens, including high school teachers and  university student associations, are involved in the active citizenship against organized crime. The civic commitment has also included the participation to the celebrations and activities connected with the anniversary of murder of judge Falcone, his wife and his three body guards: Antonio Montinaro, Rocco Di Cillo and Vito Schifani. The experience in Palermo introduced the reflection in the participants on how organize the dissemination activities in their own territories on this topic.

Download the Programme icona_pdf.jpg


Meeting at University of Palermo - Faculty of Law_Palermo 22-05-2015.jpg    Street parade from Aula Bunker to _Falcone s Tree__Palermo 23-05-2015.jpg

Palermo, 22-05-2015                          Palermo, 23-05-2015


Participation: The event involved  52 citizens, including  5  participants from the city of Brtonigla-Verteneglio (HR), 5 participants from the city of Bitola and 1 participant from the city of Skopje (MK), 5 participants from the city of Tallinn (EE), 5 participants from the city of Tirana (AL), 5 participants from the city of Thessaloniki (GR), 5 participants from the city of Dobrich (BG), 4 participants from the city of Lisbon (PT), 5 participants from the city of Piatra Neamt (RO), 5 participants from the city of Prague (CZ), 7 participants from the city of Palermo (IT).

Location / Dates: The event took place in Palermo (IT), from  18/05/2015  to 20/05/2015
Short description:  The aim of the event was to make to knowing the role of media in the construction of knowledge on organized crime and the law on social reuse of confiscated goods as a cultural and economic instrument of organized civil society against organized crime. 

Download the Programme icona_pdf.jpg


Meeting with Mr. Cusimano at RAI_Palermo 19-05-2015.jpg   Visit to CASA MEMORIA_Cinisi 20-05-2015.jpg   Visit to LIBERA-MENTE_Cinisi 20-05-2015.jpg
Palermo, 19-05-2015                       Cinisi, 20-05-2015                               Cinisi, 20-05-2015



La Fondazione in Europa con 10 Paesi partner

 

LOGO WAVES 2015.jpg

La Fondazione Falcone capofila nella promozione del progetto europeo “WAVES OF CITIZENSHIP, WAVES OF LEGALITY” finanziato dall’EACEA - The Education, Audiovisual and Culture Executive Agency.

Obiettivo principale è la condivisione a livello internazionale di saperi ed esperienze in tema di legalità, attraverso il rafforzamento del ruolo della società civile nel fronteggiare e prevenire la criminalità organizzata.

Saranno coinvolti partecipanti provenienti da 10 paesi diversi in attività connesse alla promozione della cultura della legalità, l'impegno civico e la consapevolezza del ruolo dei cittadini verso la prevenzione della criminalità.

La realizzazione dell’intero progetto si snoda lungo tutto l’anno in corso per concludersi nel giugno 2016.

Le attività prevedono:

- cicli di seminari e dibattiti con rappresentanti delle Istituzioni e della società civile;

- la partecipazione alle celebrazioni e alle iniziative connesse con il 23° anniversario dell'omicidio del giudice Giovanni Falcone;

- un seminario internazionale al quale prenderanno parte i partecipanti dei 10 paesi membri;

- la diffusione a livello locale delle attività svolte e dei risultati ottenuti all’interno di ciascun paese partner;

- un incontro finale di valutazione del progetto e del raggiungimento degli obiettivi prefissati.

Progetto "Children: from victims of violence to actors of non-violence" - Linee Guida

 

Children from victims of violence to actors of non violence.jpgSi è concluso il Progetto "Children: from victims of violence to actors of non-violence". Sono state realizzate le linee guida sul metodo di lavoro con i giovani provenienti da contesti potenzialmente criminali.

 

The Project "Children: from victims of violence to actors of non-violence" has officially ended. Guidelines on the working methodology with young people coming from potentially criminal backgrounds have been produced.

 


           Download Guidelines.jpgDownload Guidelines 

"Children: from victims of violence to actors of non - violence"

 

loghi per sito Daphne.jpg

COMUNICATO STAMPA

 

“Children: from victims of violence to actors of non - violence”

“Bambini: da attori di violenza ad attori di non-violenza”

 

Si è svolto oggi, 23 settembre 2014, presso l’Istituto Psicoanalitico per le Ricerche Sociali di Roma, il convegno conclusivo del progetto europeo Daphne “Children: from victims of violence to actors of no – violence. Proposte di intervento per giovani a rischio”

 

Il Progetto, promosso dalla Fondazione Falcone è stato avviato nel 2012 grazie ai finanziamenti dell’Unione Europea, in collaborazione ad alcuni partner italiani ed europei, quali Confindustria Sicilia, il Centro per la Giustizia Minorile della Sicilia, InformaGiovani, Czech Youth Programme The Duke of Edinburgh’s Awards (Repubblica Ceca) e la Fundacio Privada Ficat (Spagna).

Scopo del Progetto è stato quello di sviluppare e testare un nuovo metodo di lavoro al fine di consentire ai ragazzi provenienti da ambienti degradati, violenti e mafiosi di uscire dal circolo vizioso della violenza per diventare consapevoli attori di non-violenza.

 

Ad apertura del convegno Annamaria Palma Guarnier - Vice capo Dipartimento per gli affari di giustizia ha dichiarato: “Il progetto e' la testimonianza di come la Fondazione Falcone operi e sia sensibile alle tematiche di devianza giovanile. Spesso i giovani che arrivano alla giustizia minorile provengono da ambienti degradati, da contesti di solitudine, di mancanza di possibilità di scelta. Siamo qui oggi per cambiare le loro possibilità di vita”.

 

Le parole di Maria Falcone – Presidente della Fondazione Falcone, ricordano il pensiero del fratello Giovanni: “La nostra Fondazione è proiettata e attenta ai giovani perché Giovanni credeva nel futuro, nei giovani del futuro; in famiglia ci diceva sempre che solo attraverso i giovani sarebbe cambiata la società. È quello che noi continuiamo a fare, cercando di infondere in loro la fiducia nelle Istituzioni, nel trasmettere loro la coscienza e la consapevolezza che il bene comune è importante ed è per quello che bisogna lottare. Abbiamo lavorato molto nelle scuole italiane, ma ci siamo aperti anche ai giovani della Comunità Europea, impegnandoci a riprodurre il nostro modello di educazione alla legalità”.

 

Pietro Galluccio – Rappresentante dell’Associazione InformaGiovani di Palermo, sottolinea l’innovazione e l’unicità a livello Europeo del progetto Daphne, che ha coinvolto ragazzi ed operatori e ha dato loro la possibilità di vivere un’esperienza in Sicilia. “Abbiamo fatto incontrare due mondi, il dipartimento di Giustizia minorile italiano e il mondo dell’associazionismo  privato che opera nel sociale; i ragazzi hanno avuto modo di sperimentarsi in  prove di auto-imprenditorialità e in azioni di volontariato ”

“Più di 5000 denunce sono state aperte dalla Procura di Stato spagnola negli ultimi anni - prosegue Francisco Moreno Espinosa da parte dei genitori contro i figli. La violenza figlio/parentale è un fenomeno in aumento, con le sue specificità e che merita di essere studiato. La crescente diffusione di stili educativo-genitoriali improntati sempre più alla permissività e meno al senso di responsabilità e del dovere ha di fatto determinato un incremento degli episodi di violenza tra i giovani, anche all’interno del proprio nucleo familiare. Il minore esercita il proprio potere in casa, per ottenere qualcosa, e lo fa in modo violento”.

 

"Crescere in sicurezza – ha affermato Radek Laci - Presidente della NGO "Vterina potè" in Repubblica Ceca - significa sostenere e motivare i ragazzi anche attraverso il gioco, la ricreazione e la creatività condivisa". Lo scopo della sua associazione è quello di aiutare i ragazzi istituzionalizzati a crescere in un ambiente che dia loro sicurezza e i giusti stimoli per credere in se stessi.

 

Ha concluso il convegno Isabella Mastropasqua - Dirigente Ufficio IV- Studi, ricerche e attività internazionali del Ministero della Giustizia. Nel suo intervento ha dichiarato: "E' necessario che gli adulti guidino i giovani nella gestione del tempo in qualità di “tecnici della vicinanza”; è importante che la giustizia sia più aperta non solo a competenze tecnico-professionali, ma anche di tipo esperienziale. E' necessario adottare questa prospettiva con più scientificità". Auspica, inoltre che le associazioni di volontariato e di solidarietà sociale inizino a lavorare in un’ottica orientata alle famiglie dei ragazzi, affinché possano diventare un fattore di protezione e non di rischio. 

 

Roma, 23/09/2014

 

Seminario 23 settembre.JPG

Children: from victims of violence to actors of non-violence

invito.jpg

 

 

Si è tenuto a Roma il 23 Settembre 2014 alle ore 9,30 presso il Dipartimento l’Istituto Psicoanalitico per le Ricerche Sociali, Passeggiata di Ripetta, 11, il Seminario conclusivo del Progetto Europeo Daphne:

 

“Children: from victims of violence to actors of non – violence”

“Bambini: da attori di violenza ad attori di non-violenza”.

 

Il Progetto, che ha avuto inizio nel 2012, è stato promosso dalla Fondazione Falcone insieme a Partner operanti nel settore dell’educazione giovanile in Italia, Spagna e in Repubblica Ceca.

Scopo del  Progetto è stato quello di sviluppare e testare un nuovo metodo di lavoro al fine di consentire ai ragazzi provenienti da ambienti degradati, violenti e mafiosi di uscire dal circolo vizioso della violenza per diventare consapevoli attori di non-violenza.

Ha introdotto la Professoressa Maria Falcone, Presidente della Fondazione Falcone.

Sono intervenuti

 Dr Raffele Bracalenti - Presidente dell’Istituto Psicoanalitico per le ricerche sociali - Roma

  • Dr Isabella Mastropasqua - Dirigente del Dipartimento per la giustizia minorile -Ufficio IV - Studi, attività internazionali, Centro di Nisida, Osservatorio sulla devianza minorile in Europa
  • Ms Raquel Prado PerezDocente e Ricercatrice, Università di Giurisprudenza di Barcellona, Spagna
  • Mr Francisco Moreno Espinosa – Dipartimento di Giustizia minorile, Catalogna, Spagna
  • Mrs Alena Jeslinkova - The Duke of Edinburgh’s International Award Association, Repubblica Ceca
  • Mr Radek Laci  Project manager per il portale rivolto al sociale “www.vterinapote.cz

 

Scarica invito icona_pdf.jpg

 

Scarica programma icona_pdf.jpg

 

Il Progetto icona_pdf.jpg

 

 

Minori a rischio a scuola di impresa


In Sicilia il progetto Europeo Daphne:

“CHILDREN: FROM VICTIMS OF VIOLENCE TO ACTORS OF NON-VIOLENCE”

http://www.daphneagainstcrime.eu

 

IMG_0833.JPG

 

Si è svolta questa mattina, presso la sede della Fondazione Falcone di Palermo, la cerimonia conclusiva del progetto Europeo Daphne: “CHILDREN: FROM VICTIMS OF VIOLENCE TO ACTORS OF NON-VIOLENCE”.

Recuperare minori provenienti da contesti socio-culturali degradati o da realtà criminali o mafiose attraverso percorsi formativi e imprenditoriali. È con questo spirito che si è tenuta a Palermo l’iniziativa pilota realizzata nell’ambito del progetto europeo Daphne. Un percorso che sarà adesso replicato in Spagna e nella Repubblica Ceca.

Promosso dalla Fondazione Falcone, insieme ad alcuni partner italiani ed europei, quali Confindustria Sicilia, il Centro per la Giustizia Minorile della Sicilia, InformaGiovani, Czech Youth Programme The Duke of Edinburgh’s Awards (Repubblica Ceca) e la Fundacio Privada Ficat (Spagna), il progetto ha coinvolto ragazzi dell’area penale segnalati dall’Ufficio di Servizio Sociale per minorenni di Palermo e ragazzi dell’Associazione Madre Serafina Farolfi in un percorso sull’auto-imprenditorialità: visite presso aziende siciliane quali la “Salerno Packaging” e la “Gallo – SicilGel”; attività e laboratori presso Confindustria Sicilia.

Questa mattina, presso la sede della Fondazione Falcone, sono stati consegnati gli attestati ai partecipanti, alla presenza di Maria Falcone, Antonello Montante, presidente di Confindustria Sicilia e Angelo Meli, direttore del Centro Giustizia Minorile di Sicilia.

“In virtù di quelli che sono gli obiettivi della Fondazione che rappresento e anche per continuare concretamente ma con strumenti diversi il delicato lavoro che svolse il magistrato Francesca Morvillo – dichiara Maria Falcone – ho sviluppato con entusiasmo l’idea del progetto: DA VITTIME DI VIOLENZA AD ATTORI DI NON VIOLENZA. Lo abbiamo portato avanti con determinazione e con il convincimento che solo attraverso una educazione concreta e pragmatica, che miri alle esperienze di scambio culturale, si possa agire sul recupero di tanti giovani svantaggiati. La mobilità internazionale, il volontariato e le istituzioni preposte possono fare molto in un’ottica di cooperazione e parternariato finalizzato a progetti che coinvolgano attivamente i ragazzi a rischio di devianza  per riportarli ad una sana educazione alla legalità”.

 “Abbiamo subito aderito a questo progetto – afferma il presidente di Confindustria Sicilia, Antonello Montante – perché consapevoli che per sperare in un futuro di legalità sia necessario partire dai più giovani. Confindustria Sicilia combatte giornalmente per diffondere la cultura del rispetto delle regole, convinta che non possa esistere sviluppo senza legalità. Tanta strada è già stata fatta, grazie anche alle associazioni antiracket, ma se il seme dell’etica non viene impiantato nei ragazzi, ogni sforzo risulterà vano. È per questo che non possiamo che sposare ogni progetto che miri al recupero dei minori a rischio e ringraziare chi, come la Fondazione Falcone, si spende quotidianamente per dare un futuro migliore alla nostra terra”.

 “Il Centro di Giustizia Minorile di Palermo è fortemente impegnato per la ricerca sul territorio di associazioni – sottolinea Angelo Meli - che possano insieme a noi seguire progetti per minori al fine di un concreto reinserimento socio-lavorativo. Ritenendo che solo attraverso il lavoro è possibile dare un segnale concreto per abbattere il fenomeno della recidività. Il progetto che si è avviato alla conclusione è stato perfettamente in linea con questa filosofia di intervento e ha consentito a diversi giovani di essere fruitori di una validissima opportunità.”

 

Palermo, 29 Ottobre  2013

 

Scarica comunicato icona_pdf.jpg

 

 

 

A Palermo 13 Paesi Europei in visita per una full immersion antimafia

PROGETTO EUROPEO

“WAVES OF LEGALITY. WAVES OF CITIZENSHIP”


A Palermo 13 Paesi Europei in visita per una full immersion antimafia


Nell’ambito delle iniziative per il XXI Anniversario della Strage di Capaci, si è svolto questa mattina presso il Centro di Giustizia Minorile per la Sicilia, “Sala Gialla” del Complesso Malaspina, il seminario: “SVINCOLARSI DALLE MAFIE”. L’incontro ha avuto  come obiettivo quello di evidenziare l’impegno della Giustizia Minorile nella lotta contro le Mafie.

Dopo i saluti di Caterina Chinnici, Capo Dipartimento Giustizia Minorile, del direttore del centro per la Giustizia Minorile per la Sicilia, Angelo Meli e del presidente della Fondazione Falcone, Maria Falcone si sono aperti i lavori.

Molti gli interventi, tra cui quello di Isabella Mastropasqua, responsabile del dipartimento Studi, Ricerche ed Attività Internazionali del Ministero della Giustizia. Le conclusioni sono state affidate ad Amalia Settineri, Procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Palermo e a Concetta Sole, Presidente del Tribunale per i Minorenni di Palermo.

Tredici i Paesi europei (Albania, Belgio, Bulgaria, Estonia, Francia, Germania, Italia, Macedonia, Polonia, Regno Unito, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia) che hanno partecipato al seminario organizzato dalla Fondazione Falcone.

Oltre al seminario di questa mattina, la delegazione dei giovani europei in visita a Palermo per una full immersion in quella che è la dimensione italiana e la risposta alla lotta della criminalità organizzata a livello istituzionale, giuridico e di risposta da parte della società civile, le delegazioni europee hanno preso parte ad un convegno che si è svolto al Tribunale di Palermo alla presenza del Presidente, Leonardo Guarnotta. Scopo dell’incontro, la presentazione di una ricerca sulla percezione della criminalità organizzata tra i giovani cittadini europei.  Oltre ai convegni, le delegazioni europee hanno visitato la famosa Aula Bunker del carcere Ucciardone  costruita appositamente per lo svolgimento dell’epocale Maxi-Processo svoltosi a Palermo grazie alla valorosa attività del magistrato Giovanni Falcone. A guidare la delegazione dei ragazzi europei, il Procuratore Capo del Tribunale di Termini Imerese, Alfredo Morvillo che ha “raccontato” e “spiegato” il cosiddetto ed innovativo “metodo Falcone” nello svolgimento delle indagini culminate proprio nello storico Maxi- Processo.

Anche San Giuseppe Jato è stata una delle mete del programma con  la visita al “GIARDINO DELLA MEMORIA” dedicato ad un bambino vittima della barbarie  mafiosa. Giuseppe di Matteo, figlio di un ex membro di Cosa Nostra attualmente collaboratore di giustizia.

Domani, la stessa delegazione si unirà al viaggio delle “NAVI DELLA LEGALITA” in partenza da Napoli per raggiungere il porto di Palermo insieme agli oltre 3000 ragazzi che arriveranno da tutta Italia per celebrare il ventunesimo anniversario della Strage di Capaci.

Il progetto “Waves of legality, Waves of Citizenship, giunto alla seconda edizione, è finanziato dall’EACEA (The Education, Audiovisual and Culture Executive Agency) nell’ambito del programma Europe for Citizens.

Palermo, 21 Maggio 2013

Comunicato stampa icona_pdf.jpg

Seminario internazionale "La percezione della criminalità organizzata tra i giovani cittadini europei"

loghi per Waves of legality 2013 questionario.jpg

 

Questa mattina, presso l’Aula Magna del Tribunale di Palermo, tredici Paesi europei (Albania, Belgio, Bulgaria, Estonia, Francia, Germania, Italia, Macedonia, Polonia, Regno Unito, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia) hanno preso parte al seminario internazionale promosso dalla Fondazione Falcone e finanziato dall’EACEA (The Education, Audiovisual and Culture Executive Agency) nell’ambito del programma Europe for Citizens. Il seminario, rivolto a tutta la società civile e ai giovani della comunità Europea, rientra nell’attività del progetto: “WAVES OF LEGALITY, WAVES OF CITIZENSHIP”.

 

A presentare la ricerca dal titolo: “LA PERCEZIONE DELLA CRIMINALITA’ TRA I GIOVANI CITTADINI EUROPEI”, dopo i saluti del presidente del Tribunale di Palermo, Leonardo Guarnotta, del presidente della Fondazione Falcone, Maria Falcone e di Maurizio Carta pro-rettore dell’Università degli Studi di Palermo, Antonio La Spina, professore di Sociologia presso la LUISS Guido Carli di Roma e Attilio Scaglione, ricercatore in Sociologia presso l’Università degli Studi di Palermo hanno illustrato la realtà percettiva emersa dai dati del sondaggio somministrato ai giovani cittadini europei. Le conclusioni sono state affidate ad Antonio Scaglione, preside della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Palermo.

 

Ad uso della stampa, qui di seguito, una nota di sintesi della ricerca: “La percezione del fenomeno della criminalità organizzata tra i giovani cittadini europei”a cura di Attilio Scaglione.

 

“Negli ultimi decenni, come è noto, il processo di trasformazione globale dei mercati economici e finanziari ha favorito la diffusione delle organizzazioni criminali su scala mondiale. L’accresciuta rilevanza del problema, ha spinto la Fondazione Falcone ad avviare una ricerca sulla percezione della criminalità organizzata (CO) tra i giovani cittadini europei.

 

L’indagine, partita alla fine del 2012 e conclusa nel mese di aprile del 2013, si inserisce nell’ambito del più ampio progetto europeo “Waves of Legality, waves of citizenship”. Per indagare la percezione dei giovani è stato costruito un questionario strutturato composto da 24 domande a risposta multipla. Il questionario è stato tradotto in diverse lingue (inglese, tedesco, francese, greco ecc.) e somministrato online attraverso una piattaforma telematica. Al termine della rilevazione, durata un paio di mesi, sono stati raccolti complessivamente oltre 900 questionari. Pur trattandosi di un campione non probabilistico è stato possibile formulare alcune considerazioni.

 

Il 60% circa dei rispondenti sono giovani di età compresa tra i 17 e i 25 anni. Oltre i due terzi del campione sono cittadini di nazionalità italiana, mentre il terzo restante dei rispondenti sono stranieri. Tra questi, sono state censite 27 nazionalità differenti. Il tema della CO costituisce, senza dubbio, una delle problematiche, insieme a quelle di natura economica, che preoccupano maggiormente i giovani. Per il 90% degli italiani e il 76% degli stranieri, il fenomeno in oggetto costituisce un problema molto o abbastanza grave. Le differenze tra i due gruppi sono comunque marcate e riguardano l’origine, le attività illecite e le conseguenze attribuite alla CO nel proprio paese.

 

Per gli italiani i gruppi criminali si caratterizzano in primo luogo per l’esercizio del controllo del territorio e la ricerca del potere, mentre al contrario gli stranieri sottolineano prevalentemente la dimensione economica intesa come ricerca del profitto e riciclaggio del denaro illecitamente accumulato. Entrambi i gruppi ritengono che la corruzione sia spesso legata alla presenza della CO. Per l’80% degli italiani e il 64% degli stranieri costituisce la principale conseguenza dell’attività dei sodalizi criminali.

 

In questo scenario, si inserisce anche la sfiducia che i giovani hanno nei confronti della politica, che raggiunge percentuali altissime nel caso del campione italiano (90%) e alte in quello degli stranieri (75%). La forte sfiducia manifestate nei confronti della politica non si rifletta fortunatamente in atteggiamenti apatici o alienati. I giovani, in particolare gli italiani, oltre ad essere consapevoli della gravità del fenomeno, hanno anche le idee chiare sulle priorità da intraprendere per contrastare la CO, che deve essere colpita nei suoi interessi economici e nelle relazioni collusive con l’area grigia. Italiani e stranieri invece sembrano meno consapevoli del contributo che ciascuno di essi può dare nella lotta al fenomeno della CO.

 

In altre parole, da parte dei giovani, si avverte l’esigenza di accrescere le occasioni di confronto e di dialogo con esperti e addetti ai lavori, finalizzate non solo all’analisi del fenomeno ma anche alla individuazione di forme di partecipazione attiva.”

 

La ricerca si è resa possibile grazie alla collaborazione con i seguenti organismi: Associazione InformaGiovani, D.S.E.A.77, EDIE , Eurocircle, European Project Management, Young Volunteers Firefighters Sfera, Stowarzyszenie młodzieży Smart ed in cooperazione con Association Portapolis ed in cooperazione con il Forum Europeo Sicurezza Urbana, OEE e la Polizia di Mannheim. 

 

Palermo, 15  maggio 2013

 

Scarica il documento integrale della ricerca pdf.jpg

Scarica comunicato stampa  pdf.jpg

 

UN SONDAGGIO PER MONITORARE LA PERCEZIONE DELLA CRIMINALITA' TRA I GIOVANI

loghi per Waves of legality 2013 questionario.jpg

La Fondazione Falcone ha indetto un sondaggio rivolto a tutti i cittadini dell’Unione Europea, ma soprattutto ai giovani al fine di indagare gli aspetti relativi alla percezione della criminalità tra le nuove generazioni. Il questionario e la raccolta delle informazioni,  avverrà in forma assolutamente anonima. Il sito su cui compilare il questionario è: www.wavesoflegality.eu. Chiediamo a tutti i cittadini italiani ed europei di rispondere alle domande entro e non oltre il 28 Aprile 2013.

Il questionario è in versione italiana, inglese, francese, tedesca e molte altre lingue dell’Unione Europea. Ciò al fine di dare la possibilità a un maggior numero di cittadini di partecipare e di avere una campione che copra quanti più Stati.

Si tratta di una ricerca che viene effettuata nell’ambito del progetto “Waves of legality, waves of citizenship” finanziato dal programma “Europe for Citizens” (EACEA) e promosso da: Fondazione Falcone, A.D.S.E.A.77, Associazione InformaGiovani, EDIE , Eurocircle, European Project Management Association Portapolis, Young Volunteers Firefighters Sfera, Stowarzyszenie młodzieży smart ed in cooperazione con il Forum Europeo Sicurezza Urbana, OEE e la Polizia di Mannheim. 

I risultati della ricerca saranno presentati durante una conferenza internazionale che si terrà a Palermo nel mese di maggio come attività propedeutica e collaterale alle commemorazioni del XXI anniversario della strage di Capaci. I dati che emergeranno saranno inoltre ulteriori linee guida per strutturare l’attività futura della Fondazione Falcone sul piano internazionale.

 

Palermo, 21 marzo 2013


Comunicato Stampa pdf.jpg


 

"Waves of legality, waves of ctizenship" 2013

PARIGI,  22 -24 FEBBRAIO 2013

Seminario

Si è svolto a Parigi presso il Centro FIAP Jean Monnet, il seminario internazionale promosso ed organizzato dalla Fondazione Falcone insieme ai partner europei del progetto: “Waves of legality, waves of citizenship”. Progetto inserito nell’ambito del programma comunitario “L’Europa per i cittadini”.

 

Operatori di diverse organizzazioni sociali di Italia, Repubblica Ceca, Francia, Estonia, Repubblica di Macedonia, Belgio e della Polizia tedesca partecipano a tre giorni di dibattiti e confronto sulla possibilità di applicare a livello comunitario il “metodo Falcone”. Ovvero, coinvolgere congiuntamente istituzioni ed organizzazioni della società civile nei processi di educazione alla legalità e di contrasto e prevenzione del crimine.

 

I lavori sono stati aperti dal presidente della Fondazione, professoressa Maria Falcone e da Elizabeth Johnston, direttrice del Forum Europeo delle città per la sicurezza urbana. Maria Falcone ha sottolineato l’importanza della collaborazione internazionale, anche con il supporto delle istituzioni comunitarie ed ha rimarcato la necessità di unire il lavoro di base con i giovani e le comunità locali con la dimensione internazionale.

 

“Giovanni fu antesignano nel proporre strumenti concreti di cooperazione internazionale -spiega Maria Falcone- perché aveva ben compreso il pericolo della dimensione  internazionale del crimine e delle sue connessioni. Occorre creare una società meno acquiescente, indifferente ed omertosa. Occorre farlo a livello internazionale. Da qui nasce la necessità di questi momenti di incontro e confronto della società civile.”

 

Ai lavori ha partecipato anche il magistrato Francesco Lo Voi, referente italiano nella struttura EuroJust. Agenzia europea di cooperazione giudiziaria. Lo Voi ha sottolineato l’importanza di affiancare al livello giudiziario, quello sociale “l’esperienza italiana, cominciata con il Pool antimafia e con la capacità di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino di interagire con i giovani  -ha detto- è importante perché ha saputo unire e far collaborare gli apparati investigativi e repressivi con le organizzazioni della società civile.”

 

Fra i partner italiani anche il Ministero dell’Istruzione ed il Centro per la Giustizia Minorile della Sicilia, i cui rappresentanti hanno presentato il lavoro fatto in questi anni per e con i giovani nelle scuole e per l’inclusione sociale di quelli a rischio di devianza. Nel corso dei tre giorni sarà redatto un questionario. Sarà distribuito in tutta Europa e avrà come obiettivo la conoscenza della percezione del crimine organizzato sui giovani. Il questionario diverrà strumento di ricerca per lo sviluppo di futuri progetti da realizzare sul tema della prevenzione del crimine organizzato e del crimine giovanile.

 

parigi seminario 1.jpg

Maria Falcone, Francesco Lo Voi, membro di Eurojust ed Elizabeth Johnston, direttrice del Forum Europeo delle città per la sicurezza urbana

 

Parigi home(2).jpg

 

Comunicato stampa pdf.jpg

"Waves of legality, waves of citizenship" 2011 - Riconoscimento Best Practice

Il Progetto "Waves of legality, waves of citizenship 2011", promosso dalla Fondazione Falcone, è stato selezionato tra le 25 "best practices" del Programma "Europe for Citizen".

 

La brochure, prodotta dalla Direzione Generale per la Comunicazione della Commissione Europea in cooperazione con EACEA, Education, Audiocisual & Culture Executive Agency, comprende 25 dei migliori progetti finanziati dal Programma "Europe for Citizens Programme" per dare una guida e ispirazione ai partecipanti al programma e migliorare la qualità, l'innovazione e l'impatto dei progetti futuri.

 

Brochure pdf.jpg

 

http://eacea.ec.europa.eu/citizenship/documents/publications/Citizens_effect_EN.pdf

Promoting legality, preventing juvenile crime 2012

       Ang.jpg               youth in action.jpg

 

logo Regione Sicilia Assessorato della famiglia.jpg

       
                                                                                 

COMUNICATO STAMPA

 

PROMOTING LEGALITY, PREVENTING JUVENILE CRIME

Palermo, 7-14 October 2012

 

PALERMO - Sei Paesi europei  (Italia, Francia, Germania, Spagna, Belgio, Lettonia) e otto delegazioni di organismi, che a vario titolo si occupano di prevenzione del crimine, aprono oggi la visita di studio del progetto: PROMOTING LEGALITY, PREVENTING JUVENILE CRIME.

Il progetto, promosso e organizzato dalla Fondazione Falcone grazie ai fondi europei destinati alle politiche giovanili e al contributo della Regione Siciliana, ha preso il via e prevede un ricco calendario di incontri.

Obiettivo: sensibilizzare i cittadini europei sul tema della cultura della legalità, promuovere la conoscenza reciproca su argomenti riguardanti problematiche socio-politiche mondiali come la lotta al crimine organizzato, favorire il confronto fra diverse realtà nazionali e sui metodi applicati per fronteggiarlo da parte dei cittadini organizzati, di associazioni giovanili e degli organismi partecipanti al progetto.

A presentare oggi il programma ai convenuti, Paolo Di Caro, direttore  dell’Agenzia Nazionale per i Giovani, Maria Falcone, presidente della Fondazione Falcone, Loredana Introini responsabile esecutivo del progetto, Antonio Pacino dell’Assessorato Regionale della Famiglia, delle Politiche Sociali e del Lavoro.

Le delegazioni arrivate a Palermo sono: la Polizia tedesca di Mannheim, la Vidzeme University della Lettonia; il Forum Europeo per la Sicurezza Urbana con sede a Parigi; la fondazione FICAT di  Barcellona operante nel settore della Giustizia Giovanile e nella prevenzione del crimine; il Dipartimento governativo di Prevenzione della città di Bruxelles BRAVVO (Bruxelles Avance Brussel Vooruit); il Comune di Modena (settore Cultura, Turismo e Politiche Giovanili); l’associazione no profit francese ADSE A 77_CEF, attiva nella protezione di bambini e adolescenti a rischio; l’associazione EUROCIRCLE attiva, sempre in Francia, a Marsiglia nel settore sociale e più precisamente nel sostegno di giovani con poche opportunità (bassa scolarizzazione, migranti, soggetti provenienti dalle aree rurali).

Panel discussion, visite a beni confiscati, confronti di esperienze peer to peer con docenti, incontri con assistenti sociali del carcere minorile, visita al Tribunale di Palermo, riflessioni con imprenditori che si oppongono al compromesso mafioso. In particolare, per le delegazioni straniere operanti nel settore della prevenzione del crimine segnaliamo alcuni degli appuntamenti in agenda, tra cui la visita allo stabilimento dell’azienda ITI Caffè, esempio tra i più interessanti  in materia di confisca di beni ai boss mafiosi. Una realtà creatrice di uno straordinario case history considerando il rilancio dell’azienda da parte dei dipendenti che, oltre ad averne rilevato le quote azionarie, stanno lentamente riportando i bilanci in attivo. Altro appuntamento in calendario, la visita dell’Aula Bunker con il presidente del Tribunale di Palermo Leonardo Guarnotta, membro della Fondazione Falcone e memoria storica della stagione giudiziaria aperta a Palermo con il Maxi Processo. Non mancheranno gli incontri con alcuni imprenditori che hanno aderito all’associazione siciliana Addiopizzo, come ad esempio Rocco Ranieri, titolare dell’hotel residence Torreata che argomenterà la sua esperienza professionale.  E prevista altresì una sezione di studio dedicata al nostro sistema di Giustizia Minorile con workshop e visita presso l’Istituto Penale Minorenni  Malaspina e presso l’associazione Apriti Cuore da tempo operante nel settore del recupero di minori a rischio.

Palermo, 8 Ottobre 2012

 

 

Promoting legality preventing juvanile crime.jpg

Palermo, 8 ottobre 2012

Waves of legality 2012

Ang.jpg         giov in azione.jpg

Dal 14 al 22 maggio 2012 la Fondazione Falcone ha ospitato a Palermo uno scambio di giovani finanziato nell’ambito del programma europeo “Gioventù in azione”.  Il progetto “Waves of legality” ha visto la partecipazione di 5 partner appartenenti ad altrettanti paesi europei - Estonia, Italia, Polonia e Spagna - per un totale di 21 partecipanti. Questi ultimi sono stati coinvolti in attività di educazione non formale legate alla promozione della cultura della legalità, della cittadinanza attiva e dell’impegno civile.

Durante i 7 giorni di attività, i partecipanti si sono confrontati con differenti attori sociali e hanno visitato diversi “luoghi della memoria” per entrare in contatto con esperienze di vita reale legate alla prevenzione del crimine e di educazione non formale. Essi hanno incontrato associazioni civiche, studenti, insegnanti, giornalisti e, soprattutto, hanno avuto l’opportunità di riflettere sulla presenza e l’influenza del crimine nella loro vita quotidiana e sul loro ruolo nel contrastarlo.

Il programma ha previsto una serie di workshops, la visita al “Giardino della Memoria” - dove è stato tenuto prigioniero il piccolo Giuseppe Di Matteo - e all’Iti Caffè, bene confiscato alla mafia e oggi gestito da una cooperativa sociale; l’incontro con studenti e docenti coinvolti in progetti di educazione alla legalità e con il giornalista Enrico Bellavia di Repubblica per riflettere sul ruolo della comunicazione e sul web come strumento di cittadinanza attiva. 

 

 

incontro con il giornalista Enrico Bellavia.jpg

 Incontro con il giornalista di Repubblica Enrico Bellavia

 

 

 giardino della memoria.jpg

 Visita al "Giardino della Memoria" di San Giuseppe Jato

 

 

 iti caffe.jpg

 Visita all'Iti Caffè, bene confiscato alla mafia

 

 

 4. Dipingendo i lenzuoli della legalita.jpg

 Dipingendo i lenzuoli della legalità

 

 

5. Attivita non formale.jpg

Attività non formale: discussione in gruppi

 

 

6 Attvita non formale.jpg

Attività non formale: What I am doing on Facebook?

 

8.Attivita non formale.jpg

 Attività non formale nella sede della Fondazione a Palermo

 

 

 7.Incontro con gli studenti dello Ist. M.co Polo.jpg

Incontro con gli studenti dell'Istituto Marco Polo - Palermo

Waves of legality, waves of citizenship 2011

 Progetto promosso da:


    Il LOGO Falcone colori basic.jpg     logo European Forum for Urban Policies.png      logo sn.jpg        logo min. giust. Sic.jpg        5Servei_Civil_Internacional_de_Catalunya.JPG       

 

       Logo Centre for European Initiatives.jpg

 

     Con il sostegno di:

 

         logo Europe for citizens Programme.jpg         logo Regione Sicilana.jpg

 

Promuovere la cultura della legalità quale strumento per prevenire e combattere il crimine organizzato ha costituito il fulcro degli eventi internazionali realizzati dalla Fondazione nel 2011 in collaborazione con diverse organizzazioni non governative nell’ambito del Programma Europeo “Europe for Citizens”.

 Il progetto si è proposto di rendere consapevoli i partecipanti del ruolo che può svolgere la società civile nel combattere la mafia e il crimine internazionale organizzato attraverso workshops e dibattiti organizzati a Parigi e a Palermo in cui sono intervenuti esperti, funzionari delle forze dell'ordine, di Eurojust e rappresentanti di movimenti antimafia.

 

 Waves of legality 4.jpg

 

Il programma - Pdf Brochure pdf.jpg

 

Il Progetto è stato selezionato tra le 25 "best practices" del Programma europeo "Europe for Citizen"

http://eacea.ec.europa.eu/citizenship/documents/publications/Citizens_effect_EN.pdf