Le mafie in pillole. La Yakuza: 40mila affiliati e un patrimonio di 80 miliardi di dollari

La Yakuza, potente mafia giapponese, gode di uno status quasi legale. La Yamaguchi-gumi, la più grande delle “famiglie” che la costituiscono, ha circa 40 mila membri e un patrimonio di 80 miliardi di dollari. Ogni sotto-gruppo criminale paga una sorta di tassa di affiliazione alla “famiglia”. La Yamaguchi-gumi ricava così 50mln di dollari al mese. Il clan affiliato, in cambio, ha “il timbro di garanzia” che ne attesta l’appartenenza. I mafiosi della Yakuza sono anche famosi per avere complessi tatuaggi in tutto il corpo.
La più grande fonte di guadagno della Yakuza è il traffico di droga, seguito dal gioco d’azzardo, lo sfruttamento della prostituzione e l’estorsione. Si entra nel clan con un rituale di affiliazione che prevede un giuramento e un garante e i membri devono osservare un codice d’onore (ninkyo) che ricorda molto quello di Cosa nostra. Le regole fondamentali sono: obbedire al capo; non tradire il gruppo o i compagni; non rivelare i segreti dell’organizzazione; non rivolgersi a magistratura e forze dell’ordine; non toccare alcuna donna dell’organizzazione. Pena: il taglio di un dito e l’espulsione.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.